Logo ASP
 
Lo Statuto Gli Enti Soci Gli Organi Amministrativi La Direzione Il Bilancio Sociale
Home Chi Siamo Guida agli Uffici Accesso ai Servizi I Servizi Sociali Strutture Accr. per Anziani Trasparenza Albo Pretorio Sostenere l'ASP Collabora con Noi Note Legali Contatti

 

La Nostra Storia

Il 14 novembre 2007 i Comuni di Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel S.Pietro Terme, Castel Guelfo di Bologna, Dozza, Fontanelice, Imola, Medicina, Mordano e la Comunità Montana Valle del Santerno siglano in una Convenzione la loro partecipazione, in qualità di soci, all' Azienda pubblica di servizi alla persona (ASP) Circondario Imolese, con sede in Castel San Pietro Terme.

Viene conferita all'ASP la gestione delle attività, a favore di cittadine e cittadini residenti nel territorio degli Enti conferenti, negli ambiti relativi ai Minori, ai Disabili, agli Adulti, agli Immigrati ed agli Anziani (accesso - valutazione - programma assistenziale individuale - verifica degli interventi previsti nel piano, eventuale aggiornamento e valutazione della soddisfazione degli utenti).

Viene infine conferito all'ASP tutto ciò che concerne l'organizzazione e la gestione nel Circondario di progetti e attività specifiche attinenti agli ambiti su indicati, in materia di programmazione territoriale: Piano di Zona e Programmi Attuativi, Piano delle Attività per la Non Auto Sufficienza - F.R.N.A., Piano per la Salute ed il Benessere Sociale - atti della funzione programmatoria attribuita dai Consigli Comunali al Circondario.

La materia è stata meglio dettagliata nei contratti di servizio che sono stati firmati nel corso del 2008 con i singoli Comuni e il Distretto dell'Azienda USL di Imola.

Si conclude, così, un percorso iniziato con il Programma delle trasformazioni aziendali delle IPAB aventi sede nella Zona sociale del Circondario Imolese, approvato dalla Giunta del Circondario Imolese nella sua veste di Comitato di Distretto nella seduta del 10/05/2006, che prevedeva:

  • relativamente alle IPAB che procedevano alla trasformazione, la fusione in un unica ASP della Casa di Riposo per Inabili al lavoro di Imola, dell'Opera Pia S. Maria Tossignano di Borgo Tossignano e delle Istituzioni di Assistenza Riunite di Medicina operanti in ambito socio-assistenziale e socio-sanitario per anziani e aventi un volume di attività che rendeva obbligatoria sia la trasformazione in Azienda pubblica che la fusione;
  • quale obiettivo delle Amministrazioni comunali della Zona sociale, quello di unificare la gestione in un unico soggetto (ASP ) servizi ed interventi sia di carattere Socio-assistenziale, Socio-sanitario, Socio-educativo relativamente agli ambiti di attività: minori, anziani, adulti, disabili, immigrati; oltre ai servizi ed agli interventi già gestiti dalle IPAB che si fondevano, la costituenda ASP doveva gestire, con appositi contratti di servizio, quelli allora conferiti e affidati dagli Enti pubblici territoriali sottoscrittori della convenzione al Consorzio Servizi Sociali Imola, nonché quelli gestiti dall' Istituzione dei Servizi Sociali conferiti dal Comune di Castel San Pietro Terme.

Rispetto al patrimonio aziendale, va ricordato che la scelta degli enti associati è stata quella di non trasferire alcuna proprietà immobiliare rispetto agli immobili di proprietà degli enti e di attribuirli in uso gratuito all'Asp per il perseguimento degli scopi aziendali. Il patrimonio immobiliare è pertanto costituito solo dagli immobili delle ex Ipab trasferiti dal 1 gennaio 2008 all'Asp. Il patrimonio immobiliare è costituito, in assoluta prevalenza, da immobili a destinazione vincolata in quanto destinati alla gestione dei servizi (in particolare Case Protette per anziani non autosufficienti di Imola e Borgo Tossignano).

Il patrimonio non vincolato è rappresentato dall'immobile denominato "Villa Clelia", sito in Imola in via Villa Clelia n. 64, che continuerà ad essere concesso al Comune di Imola fino al 2012 al fine di consentire allo stesso di ristrutturare dei plessi scolastici che ospitano scuole dell'infanzia comunali a Zolino, Fontanelle, Campanella, che necessitano di interventi radicali non compatibili con la presenza dei bambini.

 

Nel 2009 il Circondario Imolese subentra alla Comunità Montana e coordina la stipula dei Contratti di servizio fra Comuni e ASP. Nei contratti sono previsti anche alcuni servizi aggiuntivi, quali la gestione dell'Ufficio casa per i Comuni di Imola e Medicina.

Il 2009 si presenta, quindi, come un anno di consolidamento della struttura di ASP, che risulta connotata da tre linee di servizi: una a sostegno della programmazione territoriale, una dedicata all'accesso e all'erogazione di servizi sociali, una terza di produzione diretta e indiretta - tramite cooperative sociali- dei servizi per anziani e disabili non autosufficienti.

Questa connotazione viene modificata nel 2010, in seguito ad un insieme di orientamenti assunti dal Nuovo Circondario Imolese tesi: da un lato a rinforzare la funzione di programmazione all'interno delle proprie competenze, ed in specifico all'Ufficio di Piano, e dall'altro a prefigurare un nuovo ruolo per ASP nell'area della fornitura di servizi accreditati, coerente con la scelta del Circondario stesso di assumere in proprio la funzione di Committente dell'Accreditamento, invece che affidarne la delega ad ASP.

Il cambiamento di modello discende dalla rivisitazione dell'assetto istituzionale del Circondario che modifica i suoi organismi e amplia le sue competenze.

 

Read more